Che cosa abbiamo realizzato

Collezioni permanenti Paglione

La Fondazione Crocevia ha tra le sue principali finalità «la tutela, la promozione la valorizzazione delle collezioni di Alfredo e Teresita Paglione, i mecenati a cui la Fondazione è intitolata, che costituiscono un patrimonio artistico di straordinario valore, collocato in musei e istituzioni italiane» (Statuto, art. 2).

«In particolar modo la Fondazione intende […] adottare le iniziative opportune per tutelare e valorizzare le collezioni di opere d’arte di Alfredo e Teresita Paglione, tra le quali particolare rilevanza ricoprono quelle collocate in musei di Abruzzo e Marche…» (Statuto, art. 3).

Dal 2005 in poi, i coniugi Paglione hanno promosso l’istituzione di esposizioni permanenti con le opere collezionate in quasi quarant’anni, mettendo a disposizione del pubblico, e in particolare dei giovani, uno straordinario patrimonio di arte e bellezza:

Mediterrània
dal 5 ottobre 2002 – Vasto (Chieti), Museo Civico d’Arte Moderna, Palazzo d’Avalos
Sono esposte ottanta opere di quattro artisti italiani e quattro artisti spagnoli della Collezione Alfredo e Teresita Paglione: Claudio Bonichi, Arturo Carmassi, Armando De Stefano, Gigino Falconi, Carlos Mensa, Gaston Orellana, José Ortega, Matias Quetglas. Catalogo Edizioni Vallecchi, Firenze.

I Promessi Sposi

dal 18 luglio 2003 – Chieti, Fondazione Carichieti

Arte per immagini. Da de Chirico a Lopez Garcia

dal 21 luglio 2004 – Chieti, Museo Costantino Barbella, Palazzo Martinetti-Bianchi

Centouno dipinti e sculture di settanta artisti del XX secolo. Catalogo Edizioni Vallecchi, Firenze.

In nomine patris

dal 29 agosto 2004 – Tornareccio (Chieti), Sala d’arte Pallano

L’esposizione presenta diciassette dipinti e sculture di Aligi Sassu e tredici opere di artisti internazionali. Catalogo Edizioni Vallecchi, Firenze.

La bellezza della croce

dal 16 luglio 2005 – Loreto, Pinacoteca della Santa Casa

La rassegna presenta il gruppo di importanti opere di arte sacra contemporanea donate dai coniugi Alfredo e Teresita Paglione alla Santa Casa di Loreto. Accanto a un significativo nucleo di dipinti di Aligi Sassu, undici lavori degli anni Trenta e Quaranta, sono state esposte in mostra opere di Tomea, Cassinari, Perissinotti, Raphäel Mafai, Plattner, Banchieri, Mattioli, Orellana, Ortega. Viene documentata così una porzione significativa della ricerca artistica contemporanea sul tema del sacro, che affronta in particolare il tema del dolore e del suo significato in un orizzonte religioso. Accompagna la rassegna un catalogo edito dal Museo della Santa Casa di Loreto con testi di monsignor Bruno Forte e di Elena Pontiggia.

Il gran fuoco di Aligi Sassu

dal 17 luglio 2008 – Castelli (Teramo), Museo delle ceramiche

Duecento ceramiche e sculture di Aligi Sassu dal 1939 al 1994. Catalogo Edizioni Vallecchi, Firenze.

Sassu a Thiesi. Opere murali e opere grafiche. 1929-1994

dal 23 maggio 2010 – Thiesi (Sassari), Museo Sassu

Sassu in Abruzzo. Il nuovo museo di Atessa

dal 5 agosto 2010 – Atessa (Chieti), Palazzo Ferri

Nel segno dell’immagine. Da Sassu a Ortega

dal 2 giugno 2012 – Chieti, Museo di Palazzo de’ Mayo

L’esposizione presenta una straordinaria selezione di centrotrenta dipinti e sculture di novanta artisti dalle collezioni di Alfredo e Teresita Paglione. Catalogo edizioni Umberto Allemandi, Torino.

 

Mostre

Massimo Lippi. Exultet/Passio

28 marzo – 10 maggio 2009 – Milano, Basilica di San Carlo

Exultet/Passio è una meditazione sul mistero del sacrificio di Cristo e della sua Resurrezione. Le opere costituiscono un sintetico e suggestivo percorso artistico di sculture, dipinti e poesie rappresentative dell’attività più recente di Massimo Lippi, che per l’occasione ha scritto un poemetto dal titolo Elegia del pianto, pubblicato in catalogo.

Da de Chirico a Paolini. Arte per immagini

1 maggio – 4 luglio 2009 – Presezzo (Bergamo), Palazzo Furietti-Carrara

Centotrenta opere di grandi maestri italiani dal 1931 al 1999.  La mostra ha inaugurato il restauro dell’antico palazzo. Le opere esposte fanno parte della collezione Alfredo e Teresita Paglione donata al Museo Barbella di Chieti.

Giacomo Manzù

da maggio 2009 (in corso) – Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore

Quattro grandi sculture di Manzù nei chiostri bramanteschi in occasione del restauro della cappella di Muzio e delle opere giovanili dello scultore bergamasco.

José Ortega. Realismo e identità mediterranea

25 giugno – 29 agosto 2009 – Chieti, Museo Barbella

Francesco Messina. Opere  sacre

10 dicembre 2009 – 16 gennaio 2010 – Milano, Spazio Crocevia

Quindici sculture e quattro disegni dal 1920 al 1992:  un viaggio in alcuni momenti della produzione artistica del grande scultore. Mostra a cura di Giovanni Gazzaneo ed Elena Pontiggia.

Cento cavalli di Aligi Sassu. Ceramiche dal 1939 al 1965

24 aprile – 27 giugno 2010 – Pescara, Museo Villa Urania

Cento ceramiche di Aligi Sassu datate dal 1939 al 1965. Catalogo Edizioni Urania, Pescara.

Pino Pedano. Orizzonte 1975-2010

11 giugno – 23 ottobre 2010 – Milano, Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei – Villa Clerici

Ospitata nel piano nobile della settecentesca Villa Clerici, sede della Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei, la retrospettiva Orizzonte ha fatto luce sul lavoro dello scultore Pino Pedano dal 1975 a oggi. Tra le opere in mostra la Porta del Paradiso, il Muro della preghiera, la serie delle Madri e diverse sculture realizzate appositamente per l’evento, tra cui Passio, il trittico Trinitas e i due monumentali totem che danno il titolo alla mostra. In catalogo, tra gli altri, testi di Pierangelo Sequeri, Antonia Arslan, Pierluigi Lia e Gabriele Mandel. La mostra ha ottenuto un grande successo. Abbiamo stimato che è stata vista, tra visitatori singoli, gruppi e partecipanti ai diversi eventi organizzati per l’occasione, da circa ottomila persone.

Omar Galliani. Sguardi

12 settembre – 25 ottobre 2010 – Francavilla al Mare (Chieti), Museo Michetti

Cinquanta opere, molte delle quali inedite, tra cui un grande “ulivo” in grafite su tavola di pioppo, l’opera è stata donata agli abitanti de L’Aquila come augurio di rinascita. Inediti anche i dodici disegni dedicati a I Promessi Sposi che Omar Galliani ha realizzato per illustrare l’Agenda Manzoniana 2010 edita dalla Fondazione Carichieti. Nel catalogo, edito da Umberto Allemandi, oltre ai testi di Elena Pontiggia e Giovanni Gazzaneo anche tre poesie inedite di Alda Merini, Roberto Mussapi e Davide Rondoni dedicate all’artista. Mostra a cura di Giovanni Gazzaneo e Alfredo Paglione.

Pepi Merisio. Ieri in Lombardia

7 ottobre – 13 novembre 2010 – Milano, Palazzo Pirelli

Centocinquanta immagini fotografate tra gli anni Sessanta e Settanta, molte delle quali totalmente inedite, dal grande fotografo. La vita lombarda, i tempi, il lavoro, i luoghi in un intenso racconto per immagini tra passato e presente nel palazzo simbolo di un territorio e di un città. La mostra, curata da Giovanni Gazzaneo, è stata promossa dalla Regione Lombardia e ha avuto lusinghiere recensioni e una grande affluenza di pubblico.

Trento Longaretti. Opere sacre

26 maggio – 23 giugno 2011 – Milano, Spazio Crocevia

Trenta oli su tela che coprono tutta la carriera dell’artista, nato a Treviglio nel 1916, tra i maestri dell’arte sacra del Novecento e artista di riferimento per Paolo VI. Mostra a cura di Giovanni Gazzaneo con un testo di padre Enzo Bianchi.

Pepi Merisio. L’Abruzzo nell’Italia di ieri

13 luglio – 2 ottobre 2011 – Chieti, Palazzo de’ Mayo

A Palazzo de’ Mayo, recente gioiello museale della città di Chieti, cento immagini raccontano un’Italia che non c’è più, attraverso tematiche che abbracciano il paesaggio, la vita sociale, i vecchi mestieri, la fede religiosa, le città, con uno speciale omaggio alla terra di Abruzzo.

Una Via Crucis per Tornareccio

30 luglio – 25 settembre 2011 (permanente dal 2012) – Tornareccio (Chieti)

A Tornareccio, paese natale di Alfredo Paglione, nasce il progetto di una Via Crucis realizzata da quindici artisti (oltre alle consuete stazioni è stata aggiunta l’immagine della Resurrezione): quindici bozzetti destinati a diventare nel 2012 altrettanti mosaici. Sono stati esposti nella Sala Polifunzionale del comune abruzzese i lavori di Agostino Arrivabene, Renato Balsamo, Claudio Bonichi, Paolo Borghi, Gigino Falconi, Omar Galliani, Piero Guccione, Massimo Lippi, Trento Longaretti, Luca (Vernizzi), Ugo Riva, Enrico Robusti, Valentino Vago, Piero Vignozzi, e il bosniaco Safet Zec. In parallelo Paglione ha voluto proporre nella Sala San Vito una seconda Via Crucis, composta da quattordici litografie realizzate da Aligi Sassu, di cui è stato cognato, in vista del centenario della sua nascita, che ricorreva nel 2012.

Carlo Mattioli. Opere  sacre

21 ottobre – 30 novembre 2011 – Milano, Spazio Crocevia

Nel centenario di Carlo Mattioli, protagonista silenzioso del Novecento, una mostra ideale completamento di quella, in contemporanea, al Braccio di Carlo Magno in Vaticano. Una serie di disegni inediti degli anni 40 e cinque intensi crocifissi degli ultimi anni della vita. Mostra a cura di Giovanni Gazzaneo e di Anna Zaniboni Mattioli. In catalogo anche un testo di Beatrice Buscaroli.

Monumento a Giovanni Paolo II

ottobre 2011 – Roma, Santuario del Divino Amore

Il monumento, che contiene un ritratto di papa Wojtyla a mosaico su bozzetto di Luca Vernizzi, è stato inaugurato il 22 ottobre 2011 dal cardinale Angelo Comastri a ricordo della prima visita di Giovanni Paolo II al Santuario del Divino Amore (1 maggio 1979) e della sua beatificazione (1 maggio 2011).

Giorgio de Chirico. L’Apocalisse e la luce

27 aprile – 15 luglio 2012 – Chieti, Gallerie di Palazzo de’ Mayo

La mostra Giorgio de Chirico. L’Apocalisse e la luce allestita a Chieti nelle rinnovate sale di Palazzo de’ Mayo a cura di Giovanni Gazzaneo ed Elena Pontiggia, è ideata e progettata da Crocevia in collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, e realizzata dalla Fondazione Carichieti. Un percorso che parte dal Buon Samaritanoe San Tobia e i viandanti, opere entrambe del 1939, e soprattutto dall’Apocalisse, capolavoro della grafica del Pictor Optimus. Le venti litografie, realizzate nel 1940 e pubblicate l’anno dopo (e nuovamente nel 1977 in una edizione rivista, ampliata e a colori) sorprendono per l’atmosfera di tranquilla serenità e candore fanciullesco. Culmine del percorso espositivo è La salita al Calvario, il capolavoro sacro di de Chirico: una tela monumentale realizzata nel 1947 e per anni conservata gelosamente dal Maestro nella sua abitazione e ora custodita nella chiesa di San Francesco a Ripa di Roma, sulla tomba del Pictor Optimus. La tela è stata restaurata in occasione della mostra. Oltre cinquanta le opere esposte tra dipinti, disegni e incisioni. Il catalogo della mostra presenta l’introduzione del teologo monsignor Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, i saggi dei curatori e un’antologia dei testi dedicati da de Chirico all’arte sacra.

Sassu e Corrente. La rivoluzione del colore

25 luglio-8 ottobre 2012 – Chieti, Gallerie di Palazzo de’ Mayo

 

Volumi

I due soli. Verità e Bellezza nell’arte, Vallecchi, 2007

In occasione dei suoi settant’anni, storici d’arte, poeti e artisti hanno voluto omaggiare Alfredo Paglione con un volume dedicato ai temi più amati dal gallerista e mecenate abruzzese ma milanese d’adozione: dall’arte per immagini, per usare un’espressione a lui cara, al problema della bellezza, del sacro e del realismo nell’arte contemporanea. Curato da Giovanni Gazzaneo, con la prefazione di monsignor Loris Francesco Capovilla, il volume è firmato da Paolo Bellini, Alessandro Beltrami, Sandro Boccardi, Gianfranco Bruno, monsignor Gianni Danzi, Enzo Fabiani, Vittorio Fagone, Rachele Ferrario, Silvia Pegoraro, Carlo Pirovano, Elena Pontiggia, Baltasar Porcel, Maria Cristina Ricciardi, Alessandro Riva e si divide in due parti: una raccolta di saggi scritti ad hoc e una sezione che con una ricca antologia e una documentata cronistoria ricostruisce la storia della Galleria Trentadue, diretta da Paglione per oltre 35 anni e che ha ospitato mostre di artisti come Sassu, Bodini, Fontana, Guccione, Guttuso, Manzù, Marini, Mattioli, Schifano, Vangi e tra gli stranieri Picasso, Moore, Grosz, Rauschenberg, Rivers.

Il sorriso di Teresita. Una vita per immagini, Edizioni Crocevia, gennaio 2009

Il volume raccoglie un racconto di Giovanni Gazzaneo, una poesia di Sandro Boccardi, un testo di Giulio Borrelli, già direttore del Tg1, e immagini della vita di Teresita Olivares Paglione, violoncellista colombiana, a un anno dalla morte, che narrano della sua passione per l’arte, la musica e la cultura, i suoi incontri con i premi Nobel Salvatore Quasimodo e Dario Fo, con artisti come de Chirico, Manzù, Guttuso, uomini della cultura e dello sport da Giovanni Testori a Enzo Bearzot.

Sette artisti per Giovanni Paolo II, Edizioni Crocevia, 2011

Amici miei. 50 anni di immagini, Edizioni Crocevia, 2012

Giorgio de Chirico. Catalogo ragionato dell’opera sacra, coedizione Crocevia-Silvana editoriale, 2012

Il rapporto di Giorgio de Chirico con il sacro è a cura di Giovanni Gazzaneo ed Elena Pontiggia. Primo volume della collana Novecento Sacro promossa dalla Fondazione Crocevia.

 

Cataloghi di mostre

La bellezza della croce, Loreto, Vallecchi 2005

Da de Chirico a Paolini, Presezzo (Bg), Magnolia 2009

Omar Galliani. Sguardi, Francavilla al Mare (Ch), Allemandi 2009

Francesco Messina. Opere sacre, Milano, Edizioni Crocevia 2009

Pino Pedano. Orizzonte 1975-2010, Edizioni Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei 2010

Pepi Merisio. Ieri in Lombardia, Milano, Edizioni Crocevia 2010

La signora delle tartarughe. Immagini di una collezione, Milano, Edizioni Crocevia 2011

Trento Longaretti. Opere sacre, Milano, Edizioni Crocevia 2011

Pepi Merisio. L’Abruzzo nell’Italia di ieri, Silvana Editoriale 2011

Una Via Crucis per Tornareccio, Milano, Edizioni Crocevia 2011

Carlo Mattioli. Opere sacre, Milano, Edizioni Crocevia 2011

Giorgio de Chirico. L’Apocalisse e la luce, Crocevia – Silvana Editoriale 2012

Aligi Sassu, Il Concilio Vaticano II, Milano, Edizioni Crocevia 2012

 

Eventi e convegni

Presepe Presente

Il progetto PresepePresente ha come scopo riportare il linguaggio semplice e caldo della Natività in mezzo alla gente nelle vie e nelle piazze delle città attraverso la bellezza dei presepi artistici e tradizionali. Grazie alla collaborazione con IgpDecaux, azienda leader in Italia nel settore della comunicazione pubblicitaria, per il Natale 2008 è stato allestito uno spazio video e audio alla base del grande albero in piazza Duomo a Milano. Dal 6 dicembre 2008 al 6 gennaio 2009 sullo schermo è stato proiettato un video di 8 minuti composto da oltre 100 immagini (alcune delle quali scaricabili su cellulare attraverso la connesione Bluetooth) del fotografo Pepi Merisio, dedicate al presepe e alla rappresentazione della Natività, arricchito da versi che grandi santi, poeti e scrittori hanno dedicato al mistero del Natale. Nel dicembre 2009-gennaio 2010 Presepe presente è stato proposto su alcuni maxischermi nella sede milanese dell’Università Cattolica.

Ciclo di conferenze “L’arte esperienza del bello, spazio di trascendenza”

gennaio-aprile 2009 – Giulianova, Museo d’Arte dello Splendore

Il Museo di arte contemporanea con sede nel convento dello Splendore a Giulianova con la mediazione di Crocevia ha organizzato nei primi mesi del 2009 una serie di conferenze dedicate al rapporto tra arte e fede. Relatori: Massimo Lippi (23 gennaio), Bruno Ceccobelli (27 febbraio), Davide Rondoni (20 marzo), Giovanni Gazzaneo (17 aprile).

Convegno “Canti di pietra. L’architettura monastica contemporanea”

29-30 agosto 2009 – Poggi del Sasso (Gr), Monastero benedettino di Siloe

Tra prospettiva storica ed esperienze del presente, il convegno ha fatto il punto sull’architettura contemporanea per le comunità monastiche (che vede tra gli esempi più importanti St. Marie de la Tourette  di Le Corbusier, Mount Angel di Alvar Aalto e il monastero di Vals di Hans Van der Laan) e ha avuto luogo presso il monastero benedettino di Siloe, nel grossetano, in via di costruzione su progetto dell’architetto Edoardo Milesi. Tra i relatori: Enzo Bianchi, priore di Bose, la storica dell’architettura Maria Antonietta Crippa, gli architetti Mario Botta, Edoardo Milesi e Luigi Leoni (direttore del Premio Frate Sole per l’architettura sacra contemporanea e collaboratore di padre Costantino Ruggeri), l’abate Michael Zielinski, segretario della Pontificia Commissione dei beni culturali.

Convegno “Canti di pietra. Le chiese monastiche contemporanee”

28-29 agosto 2010 – Poggi del Sasso (Grosseto), Monastero benedettino di Siloe

Dopo il convegno del 2009 dedicato ai monasteri, il focus per il 2010 si stringe sull’architettura delle chiese monastiche. Tra i relatori: la storica dell’architettura Maria Antonietta Crippa, gli architetti Edoardo Milesi e Luigi Leoni, Domenico Bagliani, Flavio Bruna, Stefano Mavilio e Giovanni Gazzaneo.

Un Metrò di Ville

22 aprile 2010 – Milano, Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei – Villa Clerici

In occasione della Settimana dei Beni Culturarli, Crocevia e la Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei hanno organizzato in collaborazione cone il Centro Studi per le Residenze Reali Lombarda la giornata di studio dal titolo Un Metrò di Ville. Valorizzare le residenze storiche lungo la Metropolitana Milanese. Al centro è stata posta la riflessione sulle ville storiche come una risorsa, non ancora adeguatamente valorizzata, per il rilancio del turismo e dell’economia del territorio lombardo. L’espansione delle linee della Metropolitana Milanese consente di costruire un itinerario e un sistema di visita alternativo, comodo ed efficiente. Alla giornata, inserita tra gli eventi della XII settimana dei Beni Culturali, hanno partecipato tra gli altri i rappresentanti di Metropolitane Milanesi e ATM, il console del Touring Club Gianmario Maggi, i presidenti regionali di FAI e Italia Nostra oltre al Comune di Milano e molti degli enti territoriali interessati dal progetto. L’evento ha gettato le basi per la creazione di una rete culturale tra le ville storiche interessate, con Villa Clerici come capofila e in cui Crocevia è ente attivo nella progettazione.

Incontri a Villa Clerici 2010-2011

Milano, Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei

Nell’ottica di rivitalizzare gli spazi della Villa e di rilanciare, riprendendo la vocazione delle origini, la riflessione su arte, sacro e contemporaneità, a partire da novembre è stata promossa una serie di incontri serali dal titolo I venerdì di Villa Clerici poi trasformati in Giovedì di Villa Clerici. La serie ha preso avvio il 5 novembre 2010 con una conferenza della professoressa Maria Antonietta Crippa, docente al Politecnico di Milano su Antoni Gaudì e la Sagrada Familia. In occasione della serata è stata inaugurata la prima sezione di una mostra dedicata al capolavoro dell’architetto catalano, realizzata dalla Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei in collaborazione con l’Associazione Sant’Anselmo e la Fondazione Crocevia. Quindi il 19 novembre è intervenuto l’artista Valentino Vago sul tema I colori dell’invisibile. Il 3 dicembre padre Andrea Dall’Asta sj, direttore della Galleria San Fedele a Milano e direttore artistico della Raccolta Lercaro a Bologna, è intervenuto sul rapporto tra arte e Chiesa dal Novecento a oggi. La serie della primavera del 2011 ha visto il 31 marzo Elena Pontiggia su l’iconografia dell’arte sacra del Novecento; il 14 aprile  l’architetto Edoardo Milesi su Architettura sacra e architettura sostenibile. Il 28 aprile Stefano Zuffi ha parlato di Arte sacra dell’Ottocento. Il 12 maggio Cesare Cavalleri ha tenuto un reading di poesia religiosa del XX secolo. Il 26 maggio Pierangelo Sequeri ha concluso con una conferenza sulla musica sacra del Novecento.