◀ Torna indietro

OMAR GALLIANI. TEOFANIE
Clarisse Arte, Grosseto

21 ottobre - 7 dicembre 2018
Grosseto, Clarisse Arte

Omar Galliani. Teofanie

Una ventina di opere, dipinti e disegni, anche di grandi dimensioni per l’antologica di Omar Galliani, a Clarisse Arte di Grosseto. 

Scrive Omar Galliani: “Le mie Teofanie alloggiano ovunque, sui volti eterei o sognanti di angeli sospesi tra terra e cielo in attesa di essere riconosciuti, o sui volti non meno velati, distanti o vicini del Salvatore. Volti tolti dall’oblio del presente e restituiti nell’idealità del trascendente. Anche l’opera disegnata, scolpita, fotografata o dipinta è nel suo manifestarsi “teofania” in quanto manifestazione del sublime. Sublimazione della materia incongrua che prende corpo, forma… anima mundi”. 

I volti di Galliani sono abitati dal mistero. Nel nome dell’assoluto le misure delle sue opere diventano smisurate: i volti sono i più grandi mai realizzati. Un processo che Galliani trae dalla tecnica fotografica e fa proprio perché la percezione possa andare oltre la visione retinica del nostro occhio ma anche di qualsiasi obiettivo, meccanico o digitalizzato che sia. Solo uno sguardo che non conosce limiti è capace di cogliere l’umano. Da qui la vocazione a un disegno infinito, o, come dice lui, “infinitissimo”. “Con Galliani – scrive Giovanni Gazzaneo, curatore della mostra – la bellezza riacquista spessore e dignità perché sa coniugare l’uomo di oggi e l’uomo di sempre. La vera svolta è nel tentativo, riuscito, di una poetica dell’unità, che sembrava irrimediabilmente perduta. Nel volto incarna lo spirito e spiritualizza la carne. Perché l’eterno abita il cielo e ciascuno di noi: è l’orizzonte dove estetica ed estasi coincidono, e la donna non è più la costola di Adamo, è Madre dei viventi, principio e vertice della nuova Creazione, bellezza assoluta. Così la bellezza sa inabissarsi nel profondo, abita le radici del nostro stesso essere: è l’immagine divina di cui siamo fatti. E le figure di Galliani sospese tra cielo e terra ci ricordano quel che siamo noi, riflettono, come in uno specchio, il nostro essere più intimo e vero. C’è chi ha sottolineato la sensualità dei corpi modellati da Galliani, una sensualità che non ha nulla di ostentato, e tantomeno di volgare. Ha piuttosto la grazia di un corpo innamorato, come sono corpi innamorati i giovani del Cantico dei Cantici, totalmente presi nella danza della ricerca l’uno dell’altra. Quel che proviamo è lo stupore di una bellezza donata. Una bellezza che non ti aspetti e che ti sorprende. Prima non c’era. O forse si annunciava come sogno. Di più: come speranza. Eccola che si fa volto, cuore, paesaggio. Avevamo fame e sete della bellezza che Omar Galliani ha saputo generare quando l’arte sembrava non volerne più sapere di lei: non la cercava, non la desiderava, anzi la ripudiava come qualcosa di irrimediabilmente passato, che solo la storia poteva custodire”.

Omar Galliani. Teofanie

A cura di Giovanni Gazzaneo

Grosseto, Clarisse Arte

Via Vinzaglio, 27

21 ottobre – 7 dicembre 2018

Inaugurazione sabato 20 ottobre 2018, ore 19.30

Piazza Baccarini

Orari: lunedì-domenica 10-12/16-18; sabato 16-19 

Ingresso libero

Catalogo Edizioni Crocevia – Corsiero editore

Info: www.fondazionecrocevia.it